Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Lunedì, 08 Giugno 2015 12:59

I FRATELLI FRIEDLAND, Daniel Kehlmann, Feltrinelli

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Forse può essere considerato un romanzo filosofico, o forse no, sicuramente è un bel libro, che appassiona e si legge d’un fiato.

I tre fratelli Friedland, Martin, il maggiore, e i gemelli Eric e Ivan, sono figli di Arthur ma di donne diverse. Ciò non evita loro di somigliarsi molto e di condividere lo stesso percorso nella vita. Fin da subito è chiaro che Arthur non sarà un padre irreprensibile, anzi, scompare dopo poche pagine, abbandonando i figli e, seguendo l’istinto, parte alla ricerca d’ispirazione per coronare così il sogno di dedicarsi completamente alla scrittura.

I ragazzi crescono, Martin si ordina sacerdote, Eric diventa un consulente finanziario e Ivan un pittore. Ma le loro carriere sono solo apparenza, tutti e tre, chi in un modo, chi in un altro, sono truffatori, millantatori e impostori. Imbrogliano tutti, compresi se stessi, recitando ruoli che presto scapperanno loro di mano. Il romanzo racconta le loro storie a turno, dandoci diversi punti di vista e moltiplicando le prospettive. Tutti e tre vedono vacillare a poco a poco l’esistenza che hanno costruito, assistono impotenti al crollo delle loro illusioni, vedono svanire le vecchie motivazioni e arrivando, chi più chi meno, al fallimento.

Ecco che allora si pongono le domande fatidiche: ne è valsa la pena? Si può vivere nella menzogna, facendo credere a tutti di essere ciò che non si è? L’autore non dà risposte, spinge il lettore a riflessioni esistenziali, senza proporre soluzioni. Ma c’è sempre speranza nella vita, questo sì, e Kehlmann termina il racconto con Arthur che ritorna e instaura un bel rapporto con Marie, la bimba di Eric. Sarà dunque lei, con il suo punto di vista, a risolvere i conflitti della famiglia e dare un tocco di positività alla vicenda.

Oltre alla storia, decisamente avvincente, l’altro punto di forza del romanzo è, a nostro personalissimo giudizio, lo stile. La scrittura è precisa, scorrevole e mai banale. Il racconto è distaccato, “super partes”, l’autore sembra non volere che ci si affezioni ai personaggi, ma vista la fine che fanno, tanto meglio!

 

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto..

 

 

Letto 1323 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Febbraio 2019 15:38

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Registrati

Altri libri nella categoria " Di tutto un po'"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.