Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Lunedì, 19 Aprile 2021 15:12

IL MONDO DIETRO DI TE, Rumaan Alam, La Nave di Teseo

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il mio voto è: 7

 

Il serbatoio di storie al mondo sembra essere inesauribile”: questa frase di Eshkol Nevo (tratta da Il Vocabolario dei desideri) è il commento perfetto per il romanzo, appena pubblicato dalla Nave di Teseo, già caso editoriale negli Stati Uniti, nonché finalista al National Book Award, best seller per il New York Times e titolo dell’anno per Time e New Yorker. Sì perché la trama del romanzo dell’autore americano è insolita e veramente originale: evidentemente la fantasia non manca ad Alam, e il suo romanzo, un po’ disaster novel, un po’ thriller, un po’ distopia, dimostra che le storie da scrivere (e da leggere!) sono davvero infinite.

Una normalissima famiglia bianca, di Brooklyn, padre, madre sui quarant’anni, leggermente nevrotici, buon lavoro per entrambi ma senza grandi aspettative di vera ricchezza, due figli adolescenti, fastidiosi quanto basta, decidono di concedersi una settimana di vacanza a Long Island, affittando una bella villa, isolata, con piscina, trovata online. Sperano di passare qualche giorno di riposo e di tranquillità famigliare, concedendosi il lusso di fingere di essere qualcun altro, qualcuno con possibilità superiori alle loro, almeno per un po’. Non rovinerò il gusto della lettura anticipando nulla di saliente, basti sapere che dopo un paio di giorni durante i quali la famiglia si ambienta e comincia davvero a sentirsi in vacanza e “padroni” della bella casa, alcuni inattesi e strani episodi turberanno, e non poco, i quattro protagonisti. Il libro tocca tanti temi di estrema attualità: quello razziale (ecco perché ho specificato che la famiglia è bianca), quello della divisione delle classi sociali (la villa con piscina, ma solo affittata) la dipendenza dalla tecnologia e la concreta possibilità (e il Covid lo sta insegnando) che l’umanità possa essere spazzata via in quattro e quattr’otto. Leggendo, non ho potuto fare a meno di riflettere su questi aspetti che mi hanno davvero impensierito. Cosa sappiamo fare senza internet? Ci affanniamo per imparare ad usare strumenti sempre più sofisticati, trascurando altre abilità, che so, accendere un fuoco, trovare la strada senza navigatore, risorse necessarie in caso ad esempio, di una banale mancanza di corrente… Forse, non dovremmo permettere alla tecnologia di impadronirsi così della nostra vita e non è prudente dipendere completamente dai nostri smartphone. Il romanzo suggerisce inoltre che siamo abitanti di un pianeta che dividiamo con tante altre specie: dovremmo rispettarci l’un l’altro per una sana e proficua convivenza e per evitare tragici sovvertimenti, tipo, appunto, le pandemie.

Il libro di Alam, con il suo ritmo incalzante ed inesorabile, mi ha turbato e poco importa se il finale non spiega più di tanto. Il messaggio che l’autore ci invia è forte e chiaro. Lo affida a Rose, la figlia tredicenne, l’unica che sa usare gli occhi e guardare oltre, la sola che si rende conto che il mondo così com’è non può andare avanti e seraficamente ne accetta la precarietà. Non ci sono certezze, per nessuno, il nostro passaggio su questa terra è transitorio e temporaneo, prima ce ne renderemo conto, meglio sarà.

 

 

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto…

 

 

 

Letto 58 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Aprile 2021 15:21

Video

Altro in questa categoria: « IL WEEKEND, Charlotte Wood, NNeditore
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Registrati

Altri libri nella categoria " Di tutto un po'"