Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Lunedì, 23 Settembre 2019 15:01

I RAGAZZI DELLA NICKEL, Colson Whitehead, Mondadori

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Dell’autore afroamericano avevo letto “LA FERROVIA SOTTERRANEA”, che gli era valso il Premio Pulitzer e il National Book Award, ma che non mi aveva convinto completamente. Ho comunque voluto leggere anche il suo nuovo romanzo, appena pubblicato da Mondadori, I RAGAZZI DELLA NICKEL, che narra la triste storia di Elwood Curtis e dei suoi compagni relegati nella scuola/riformatorio del titolo, ispirata all’istituto di correzione Arthur G. Dozier School di Marianna, realmente esistito e chiuso nel 2011 quando vennero scoperti gli abusi e le violenze che qui venivano perpetrati ai giovani detenuti.

Florida, anni ’60, Elwood è un ragazzino di colore cresciuto con la nonna, forte e coraggiosa, dopo essere stato abbandonato dai genitori e che ha formato la sua personalità e i suoi ideali ascoltando un disco di discorsi di Martin Luther King. Ce la mette tutta, il povero Elwood, per comportarsi bene, per sopportare gli odiosi comportamenti dei bianchi razzisti e per credere in un futuro migliore, guadagnandosi, lavorando duramente, quanto serve per l’accesso al college. Nonostante i buoni propositi, però, sarà nel posto sbagliato al momento sbagliato e, per punizione, dovrà scontare un anno nella famigerata Nickel. Qui presto scoprirà che la bianca facciata dell’edificio nasconde un luogo di privazioni, punizioni spesso inutili, violenze e soprusi di ogni tipo e che ben poco viene davvero insegnato.

“I ragazzi della Nickel erano fottuti prima, durante e dopo il periodo che trascorrevano alla scuola, se si voleva descriverne la traiettoria generale.” “Svantaggiati e azzoppati ancora prima che la gara cominciasse…”

Non un gran posto dove crescere, dunque, e per Elwood sarà arduo riuscire a rimanere fedele ai propri principi. Solo le parole del Reverendo che gli risuonano in testa gli daranno la forza e la capacità di sopportare quel luogo e i suoi aguzzini e per farlo sperare ancora nella libertà e nella dignità che gli sono state negate.

“Ma state certi che vi logoreremo con la nostra capacità di sopportazione, e un giorno conquisteremo la libertà.”

Il finale, a sorpresa, rende la lettura del romanzo piacevole, ma non mi sento di darne un giudizio migliore di così. Anche in questo libro, infatti, il racconto non scorre fluido, anzi a volte l’autore è un po’ contorto. L’argomento è sicuramente interessante, e gliene rendo merito: giusto raccontare e testimoniare le tremende ingiustizie che l’uomo da sempre perpetra verso le minoranze. Ma non mi sembra che Whitehead riesca a farlo in modo incisivo o efficace. Insomma, anche questo romanzo non mi ha convinto…

Aspetto, fiduciosa, il prossimo!

 

 

 

 

Letto 129 volte Ultima modifica il Lunedì, 23 Settembre 2019 15:11

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Registrati

Altri libri nella categoria " Di tutto un po'"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.