Martedì, 09 Febbraio 2016 16:04

LO SPAZIO E IL TEMPO, Jeannette Winterson, Rizzoli

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Nel 2012, la Hogarth Press (famosa casa editrice inglese, fondata nel 1917 da Virginia e Leonard Woolf) ha lanciato il Hogarth Shakespeare Project proponendo ad importanti e famosi scrittori di reinterpretare alcune opere di Shakespeare.

Jeannette Winterson, Howard Jacobson, Tracy Chevalier, Gillian Flynn, Margaret Atwood, Jo Nesbo e Anne Tyler hanno accettato la sfida e i loro romanzi sono in pubblicazione nel corso del 2016, e oltre, nell’ambito delle celebrazioni dei 400 anni dalla morte di Shakespeare. Le opere del grande scrittore inglese sono da sempre state adattate, riscritte, fonte di ispirazione per scrittori e drammaturghi. Ciò le rinnova di continuo, dando loro un gusto moderno e attuale. Non c’è nulla di male nel prendere in prestito storie dai predecessori, Shakespeare stesso si è spesso ispirato a ciò che era stato scritto prima di lui. Dunque, il progetto della Hogarth è ambizioso, certo, ma del tutto lecito e molto stimolante per gli autori e per i lettori. Lo scopo della casa editrice è quello inoltre, di rendere sempre più accessibile l’opera shakespeariana che potrebbe, con questa veste originale, raggiungere nuove generazioni di lettori.

 

I romanzi di questo progetto verranno pubblicati in Italia da Rizzoli.

Il primo è “Lo spazio e il tempo” della scrittrice J. Winterson, ispirato a “The winter’s tale” (“Racconto d’inverno”).

L’autrice ha deciso di accettare la proposta della Hogarth perché ha da sempre studiato e molto amato Shakespeare. Il testo che sente più vicino è Winter’s tale poiché narra di una trovatella, come è lei stessa (è stata data in adozione a sette anni), e perché parla di cambiamento e di speranza. In quest’opera, e in molti tra gli ultimi lavori di Shakespeare, c’è un lieto fine, non muore nessuno, si formano nuove coppie e tutti diventano, nel finale, persone migliori. L’autrice ha ben riproposto nella sua “cover version” i valori che Shakespeare tratta: l’amicizia, l’amore, il perdono, ma anche la gelosia quando diventa morbosa, addirittura paranoica. La vicenda si svolge in un lungo arco di tempo, dando modo ai personaggi di mutare e migliorarsi. La versione della Winterson, comincia in America, in una città chiamata New Bohemia. Un uomo di colore trova una bimba bianca abbandonata nella notte. Egli segue il suo primo impulso e la porta a casa con sé. L’azione si sposta in Inghilterra, a Londra, dove un uomo di successo non accetta la nascita della sua secondogenita, accecato dalla gelosia per il suo migliore amico, che ritiene avere una relazione con la moglie ed essere il vero padre della bimba. Passano diciassette anni, siamo di nuovo in America, due ragazzi si conoscono e si innamorano. Avranno tante cose da scoprire e da dirsi. Per tutti, passato e futuro dunque, dove il passato è tragedia e il futuro, speranza. In mezzo, il cambiamento. D’altronde, basta un minuto per cambiare una vita ma ci vuole una vita per capire il cambiamento.

Letto 949 volte Ultima modifica il Mercoledì, 01 Marzo 2017 17:42

Video

Lascia un commento

Altri libri nella categoria " Autori con la A maiuscola"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.