Mercoledì, 09 Dicembre 2015 16:12

CANTO DELLA PIANURA, Kent Haruf, NNEditore

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)

Il secondo libro edito da NN della trilogia di Haruf è imperdibile, tanto quanto “Benedizione”, di cui abbiamo già parlato nel nostro blog.

Siamo sul finire dell’autunno, il gelido inverno del Midwest americano è alle porte, e Holt, la cittadina fittizia dove si svolge anche questo racconto, è freddissima, brulla, ventosa… Il titolo, tradotto efficacemente dall’inglese Plainsong, evoca sia un canto lento, una melodia, sia una vasta pianura, dove lo sguardo spazia, fino a perdersi.

I personaggi di questo secondo capitolo, non sono gli stessi che avevamo amato nel primo libro. Impariamo a conoscerli dalle descrizioni dell’autore, anche qui molto chiare ed efficaci, e poco alla volta li supportiamo con tutto il nostro spontaneo affetto. Non sono eroi, sono persone normali che affrontano le difficoltà della vita, spesso sbagliando, ma meritandosi la nostra stima per le loro scelte coraggiose. La storia raccontata è semplice, gli eventi narrati non sono eclatanti o eccezionali, ma proprio per questo autentici e molto vicini alla quotidianità di tutti noi. Ciò che rende indimenticabili i libri di Haruf è proprio la sua arte nel raccontare cose semplici, di rendere unici personaggi comuni, di appassionare il lettore a esistenze qualsiasi.

Figura centrale della storia è Maggie Jones, insegnante di liceo, colei che risolve, con dolcezza e intelligenza, i problemi degli altri personaggi che, per carattere, per impulsività, per amore o per inesperienza finiscono nei guai. E’ evidente che l’autore è dalla loro parte difendendoli sempre e anche noi ci ritroviamo a fare il tifo per loro, sperando che riescano alla fine a superare le difficoltà del loro cammino

Lo stile è meno asciutto che in “Benedizione”, le descrizioni sono più numerose e più ricche di dettagli, mentre i dialoghi sono altrettanto stringati, le parole dette, soprattutto da alcuni dei personaggi, i fratelli McPheron o Victoria, ad esempio, sono poche ed essenziali.

E quando a Holt arriva la primavera, l’aria si fa tiepida, i cuori si riscaldano e per i nostri beniamini le cose sembrano finalmente andare per il verso giusto.

A noi lettori non resta che, di buon grado ma con una punta d’impazienza, aspettare l’uscita del terzo, e, ne siamo sicure, irrinunciabile ultimo capitolo!

Letto 731 volte Ultima modifica il Mercoledì, 01 Marzo 2017 15:47

Lascia un commento

Altri libri nella categoria "Gli imperdibili"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.