Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Lunedì, 17 Gennaio 2022 15:15

LA PROMESSA, Damon Galgut, e/o

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il mio voto è: 8½

 

 

Avete fatto caso che nel 2021 a vincere alcuni importanti premi internazionali sono stati autori africani? Il Nobel per la letteratura è andato a Abdulrazak Gurnah (Tanzania), il Prix Goncourt a Mohamed M. Sarr (Senegal) e il Booker Prize a Damon Galgut (Sudafrica). Incuriosita da questa che probabilmente non è una semplice coincidenza, ho deciso di leggere i loro romanzi, scegliendo per primo il libro di Galgut (La promessa appunto) incuriosita dalla trama. Penso sia necessario, per tentare di comprendere al meglio il mondo in cui viviamo, approcciarsi a stili, generi, storie diverse da quelle alle quali siamo più avvezzi, leggere libri scritti da autori che vivono in realtà e in ambiti differenti, con stili e abitudini a noi meno conosciuti. Quale migliore selezione dunque dei vincitori dei premi letterari internazionali?

“La promessa” è una saga familiare che inizia nel 1986 con la morte di Rachel Swart una donna ebrea sposata ad un cattolico. Lascia tre figli all’epoca adolescenti, che vivono con il padre e Salome, la donna di colore che li accudisce, in una fattoria nei pressi di Pretoria. Diviso in quattro parti, una per ogni componente della famiglia, il romanzo racconta negli anni a venire, le storie di ognuno di loro: Amor, che tiene insieme i fili della storia, è la terzogenita, colei che sente la madre in punto di morte promettere a Salome, che ha lavorato per loro per tutta la vita, di intestarle il terreno e la casa, una stamberga in realtà, dove ha sempre vissuto; poi è Pa (Manie) che ci parla e smentisce la promessa fatta dalla moglie, e la rinnega negandole perfino il funerale ebraico da lei stessa richiesto in punto di morte. Quindi è il turno di Astrid, la bella sorella maggiore la cui vita sarà costellata da ingiustizie e violenze; e infine ecco Anton, il fratello irrisolto, caustico e sempre di traverso. Il personaggio di cui manca la voce è Salome, la destinataria della casa promessa, che nonostante sia una presenza costante nella vicenda, non viene quasi mai interpellata né raccontata, così come suo figlio Lukas. Non era l’intento dell’autore, raccontare dei neri: il punto di vista della storia doveva essere quello dei bianchi, sottolineando così che le differenze in Sudafrica esistono ancora, eccome! La promessa non mantenuta infatti denunciata da Galgut non è solo quella degli ingrati Swart del romanzo, ma anche quella che il Sudafrica non è riuscito a vincere dopo le ottime premesse degli anni Novanta con la fine ufficiale, nel 1993, della segregazione razziale e l’avvento della democrazia. Nel romanzo si percepisce tutta la delusione dell’autore per il suo Paese dove a tutt’oggi l’uguaglianza non è ancora stata raggiunta e le ingiustizie, la violenza e i soprusi continuano ad imperversare.

Molto avvincente, le pagine di questo bellissimo romanzo polifonico scorrono velocemente anche grazie ad uno stile davvero particolare: l’autore alterna le voci in prima, seconda, terza persona adottando un narratore fluttuante, che cambia anche all’interno del paragrafo, senza mai però disorientare il lettore che viene saltuariamente coinvolto in commenti o riflessioni.

Mi è piaciuto molto, è da leggere, e non solo perché ha vinto il Booker Prize!

 

 

 

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto…

 

 

 

Letto 400 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Gennaio 2022 15:22
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Altri libri nella categoria "Gli imperdibili"