Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Martedì, 11 Maggio 2021 13:37

LA RAGAZZA A, Abigail Dean, Einaudi

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il mio voto è: 8½

 

Devo ammetterlo: non riesco a non seguire sui giornali la cronaca nera, quella che racconta gli omicidi, gli stupri, i rapimenti. Non credo sia per voyeurismo, non mi sento una spettatrice particolarmente morbosa di tali eventi, eppure mi interessano e ne seguo, per quanto mi è possibile, lo sviluppo. Penso derivi dal mio sincero interesse per l’animo umano, per l’enorme gamma di sentimenti e comportamenti che offre e sempre mi sforzo di capire fino a che punto ci si può spingere e perché. E la storia raccontata da Abigail Dean, giovane avvocato inglese al suo primo romanzo, mi ha attratto fin dalle poche righe, in quarta di copertina.

Lex Gracie è cresciuta in una famiglia numerosa, in balia di un padre orco e di una madre sempre incinta. Lex è la ragazza A, come verrà definita dai giornali, perché sarà la prima che riuscirà a scappare da questa casa degli orrori e a salvare sé stessa e tutti i suoi fratelli e sorelle. Il lettore viene messo a conoscenza di questo fatto fin dalle prime pagine. Il resto, di cui naturalmente non parlo, è la lenta, dolorosa scoperta di quanto successo alla famiglia Gracie. Cosa ne sarà dei figli di quell’uomo terribile? Come si è potuto arrivare a tanto? Il romanzo è orchestrato dall’autrice con grande perizia (pare ci siano voluti nove mesi dopo la prima stesura) tra presente (inizia quando Lex torna in Inghilterra dopo essersi rifatta una vita a New York) e passato, con continui flashback che ripercorrono la crescita di ognuno dei figli. Che persone sono diventate? Come hanno superato la terribile esperienza? Ogni capitolo è dedicato ad uno dei ragazzi, tutti personaggi molto ben riusciti; per ognuno di loro, l’autrice costruisce personalità differenti, ricche di sfaccettature e risvolti psicologici causati dai traumi subiti. Ma è Lex la vera protagonista, e non solo perché è quella, che tra tutti, riesce a scappare. La sua forza, la resilienza, ma anche il cinismo e la spregiudicatezza che la caratterizzano, la rendono davvero speciale e indimenticabile.

Una menzione particolare va fatta all’approfondita costruzione che l’autrice fa dei rapporti tra i fratelli, schiacciati dalla terrificante personalità di Padre (così chiamato per tutto il libro) e alla descrizione del delicato equilibrio che sempre si instaura all’interno delle famiglie numerose, analisi attenta e ancora più notevole per il fatto che l’autrice è figlia unica e che ha sempre solo immaginato cosa volesse dire avere fratelli e/o sorelle.

“La ragazza A” è un romanzo che non è un horror, né un thriller: è una storia toccante, che l’autrice con grande abilità e ottimo stile riesce a raccontare senza cadere nel morboso o nello scandalismo; invita il lettore a non indignarsi ma, per quanto possibile, a cercare di comprendere e, in qualche modo, accettare le degenerazioni dell’animo umano.

Da leggere!!!

 

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto…

 

 

 

Letto 238 volte Ultima modifica il Lunedì, 21 Giugno 2021 10:01
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Registrati

Altri libri nella categoria "Gli imperdibili"