Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Giovedì, 26 Marzo 2020 15:34

IL RITRATTO, Ilaria Bernardini, Mondadori

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

L’ultimo romanzo della Bernardini era stato inserito nella lista dei candidati al Premio Strega 2020, proposto da Paolo Sorrentino: purtroppo però non è stato selezionato tra i migliori 12… peccato! Avrei tanto voluto che vincesse il premio! E’ un libro bellissimo, era da tanto che non ne leggevo uno così!

Qualche cenno sulla trama: Valeria, una scrittrice cinquantenne, ha una relazione segreta da oltre venticinque anni con Martìn, potente uomo d’affari, sposato con Isla, una pittrice, e madre dei suoi tre figli. Quando a Martìn viene un ictus e finisce in coma, Valeria disperata escogita un piano rischiosissimo per stargli vicino. Non vorrei aggiungere altro su quanto accade, per non guastare la lettura di uno dei romanzi più avvincenti che ho letto recentemente.

E’ un ottimo libro sono tutti gli aspetti: la trama è molto coinvolgente, come dicevo, con colpi di scena che gelano il sangue; i personaggi sono incredibilmente ben costruiti, la loro psicologia così ben raccontata da far sì che ci si immedesimi in ognuno di loro, parteggiando a volte per l’uno a volte per l’altro. In un costante crescendo di emozioni, assistiamo allo sviluppo della vicenda dove i protagonisti mostrano la loro forza ma anche le loro tante fragilità. C’è amore, passione, amicizia, gelosia, rabbia, sentimenti così potenti da rendere straordinari i personaggi che li provano. La storia si svolge in vari luoghi, principalmente a Londra, Parigi, Rodi le cui descrizioni, pur appena accennate, ci fanno sentire di essere là. Non so se sia un termine adato, ma mi piace definirlo un romanzo internazionale e non solo perché si svolge all’estero. Ho sentito in un’intervista che l’autrice ha prima scritto il romanzo in inglese e una volta arrivata in fondo l’ha ricominciato in italiano. Questo “stratagemma” ha, secondo me, consentito alla Bernardini di adottare una lingua cosmopolita che fa un gran bene allo stile utilizzato, rendendolo moderno, fresco, giovane, mai provinciale.

Nonostante succedano tanti eventi dolorosi, il finale è una consolazione per tutti: non c’è un cattivo, nessuno ha sbagliato, hanno solo tutti seguito il loro cuore comportandosi come meglio non potevano fare.

Consigliato a tutti(e) e soprattutto a chi ha da alle spalle una lunga storia d’amore…

#andràtuttobene

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto..

 

Letto 120 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Marzo 2020 15:48
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Registrati

Altri libri nella categoria "Gli imperdibili"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.