Martedì, 03 Febbraio 2015 00:00

TRANSATLANTIC, Colum McCann, Rizzoli

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Come già nel suo precedente romanzo, “Questo bacio vada al mondo intero”, Colum McCann sceglie di ispirarsi a un fatto realmente accaduto per costruirvi intorno una serie di storie, legate tra loro da un filo invisibile.

In questo caso il filo è rappresentato da una lettera che fa la sua comparsa per la prima volta nel 1919, agli albori della nascita della posta aerea,  per arrivare fino ai giorni nostri, su una lingua di terra irlandese battuta dalla pioggia e dal vento. Una lettera che legherà le vite e i destini di persone diverse.

Inizialmente sembra quasi di leggere una raccolta di racconti: si spazia dalla Belfast degli anni Novanta, all’America di tardo Ottocento, i personaggi sembrano non avere nulla in comune tra loro… ma procedendo con la lettura  ci si accorge che nulla è casuale, che tutti i capitoli del romanzo, siano essi ambientati nell’Irlanda del 1845 o negli Stati Uniti degli anni Venti, contribuiscono a creare un grande romanzo il cui risultato è di certo più grande della somma delle sue parti.

Ne esce un romanzo corale incentrato sulla circolarità della Storia (non a caso si apre e si chiude nello stesso luogo) e sulla ricerca e rivendicazione delle proprie radici.

Bellissime e fondamentali,  introdotte gradualmente quasi in sordina, le figure femminili: quattro generazioni di donne dalla vita apparentemente semplice ed ordinaria, ma che grazie alla loro forza, al loro coraggio e alla loro cocciutaggine riusciranno a sopravvivere in un mondo di guerre e privazioni, di ingiustizie e povertà, di violenza e ignoranza.

Letto 904 volte Ultima modifica il Lunedì, 06 Marzo 2017 16:52

Video

Lascia un commento

Altri libri nella categoria "Gli imperdibili"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.